I fatti pubblicati sono tutti veri e comprovati. Nel caso in cui ricevessi una querela pretestuosa procederò immediatamente a denunciare l'autore per calunnia presso il tribunale competente.

ADRIATIC Osiguranje – CAPITOLO 13

Foto dell'autore
Scritto da Sean Filipin

Ex agente assicurativo, ora critico assicurativo Vuoi contattarmi? Chiamami o scrivimi una mail

Nell’ultimo capitolo vi ho raccontato di quali siano state le “scuse” adottate da Adriatic per giustificare il mancato riconoscimento/pagamento delle provvigioni riguardanti il periodo Settembre 2019 – Giugno 2020, del cosiddetto “riposo russo”, del conferimento del mandato agenziale e infine della visita della “dama” Mladenka Grgic (moglie del “capo supremo” del gruppo Agram) a Udine per una grappa.

Nel caso non abbiate letto l’articolo ve lo riporto di seguito :

Il furto mascherato, l’origine della guerra con Adriatic Osiguranje

Iniziamo ora ad avvicinarci alla parte “critica” della collaborazione Filipin-Adriatic.

Molti, probabilmente, si saranno chiesti come sia nata la “guerra” tra me ed Adriatic.

Tutto è nato da un furto seguito da un’estorsione.

L’origine di tutto è stato il portafoglio da me acquisito nel SUD Italia dal 29.06.2020 (giorno di assegnazione del mandato) al 15.07.2020, giorno, quest’ultimo nel quale Adriatic ha fisicamente “bloccato” l’emissione di polizze al SUD Italia alla mia Agenzia.

Nel gergo assicurativo questo si chiama scorporo di territorio.

Nel mondo assicurativo questa operazione non è sconosciuta, cosa diversa nel mondo di Adriatic.
Quando una compagnia intende scorporare un agente assicurativo segue la procedura descritta all’articolo 8 bis dell’accordo collettivo nazionale ANA del 2003.

Diverso è stato per Adriatic Osiguranje.

Il mandato sottoscritto da me e da Zlatko aveva specifici richiami all’accordo nazionale agenti e quindi ne ereditava le clausole e i relativi regolamenti e/o procedure, o almeno questo era quello che sarebbe dovuto essere.

Il giorno 15.07.2020 Adriatic ha semplicemente bloccato la possibilità di emettere polizze al SUD Italia alla mia agenzia, senza notificarmi nulla. Io ho dovuto contattarli per scoprire quanto avevano fatto.

Quindi, in puro “stile Adriatic” avevano violato le disposizioni delle normative da loro stessi sottoscritte “scorporando” il territorio e bloccando la possibilità di assumere nuovo portafoglio nei territori del SUD Italia. Questo solo alla mia agenzia.

Non fu questo però il vero motivo di rottura dei rapporti.

Quello che ci portò alla guerra fu il loro tentativo (ad oggi riuscito) di sottrarmi una parte di provvigioni da me maturate.

Nella quantificazione degli importi delle provvigioni di Luglio 2020 Adriatic ha deciso, di sua iniziativa, di ridurre la quota percentuale provvigionale, per le polizze emesse a clienti residenti nel “SUD Italia”, al 7%.

Tralasciando le questioni di contingenza fiscale (sulle polizze c’era scritto che io avevo maturato il 20% mentre nella realtà mi era stato riconosciuto solo il 7%) Adriatic si era arrogata il diritto di modificare il contratto sottoscritto il mese precedente.

A un osservatore esterno questo può sembrare un problema minore ma, sopratutto per la classe degli agenti assicurativi, è di una gravità inaudita.
Agendo in questa maniera Adriatic ha praticamente sputato sul contratto collettivo nazionale che lei stessa aveva firmato.

Questo furto è stato l’origine di tutto.

Riporto di seguito la pec che io ho mandato il 18 Agosto 2020 alla compagnia dove chiedevo di verificare la discrepanza e procedere alla relativa rettifica degli importi calcolati.

Secondo voi Adriatic ha mai risposto a questa richiesta?

Ovviamente no. Alla PEC non ho mai ricevuto alcuna risposta.

La soluzione, o meglio il tentativo di soluzione di Adriatic, è stato creare un’appendice di contratto folle (già affrontata nel mio precedente articolo scritto il giorno del mio compleanno) che avrebbe dovuto sanare la situazione.

Ve la riporto di seguito.

ADRIATIC Osiguranje - CAPITOLO 13
ADRIATIC Osiguranje - CAPITOLO 13

Ovviamente io non ho mai firmato questo obrobrio, mi sono sempre rifiutato.

Nel prossimo capitolo vi illustrerò come questo documento sia stato l’origine dell’estorsione/ritorsione perpetrata da Adriatic Osiguranje nei miei confronti relativamente alla revoca fatta il 2 Ottobre 2020.

Il critico assicurativo,
Sean Filipin.