I fatti pubblicati sono tutti veri e comprovati. Nel caso in cui ricevessi una querela pretestuosa procederò immediatamente a denunciare l'autore per calunnia presso il tribunale competente.

IVASS – Come hanno tentato di rovinare i miei 27 anni

Foto dell'autore
Scritto da Sean Filipin

Ex agente assicurativo, ora critico assicurativo Vuoi contattarmi? Chiamami o scrivimi una mail

Buongiorno a tutti,

In occasione del mio 27esimo compleanno vorrei fare un articolo riflessivo che vada ad analizzare e mettere chiaramente per iscritto cosa l’autorità di vigilanza ha provato a farmi (riuscendoci in minima parte).

02/10/2020 alle 23.45 via pec ricevo da Adriatic Osiguranje d.d., copia del recesso che la compagnia esercita dal mandato di agenzia motivato da un fantomatico “grave inadempimento”. Vi allego anche l’appendice che viene richiamata da Adriatic.

Ecco i documenti :

IVASS - Come hanno tentato di rovinare i miei 27 anni
IVASS - Come hanno tentato di rovinare i miei 27 anni

Su questi documenti mi intendo soffermare relativamente poco, anche perché basta leggere l’oggetto del recesso e la sua successiva motivazione per comprendere come sia completamente campata in aria oltre che diffamatoria e giuridicamente nulla (come sosteniamo in causa da 2 anni).

Per non dilungarmi troppo su questo argomento, che è solo il trampolino di lancio di quello che invece voglio affrontare oggi, vi prometto che farò un’articolo dedicato che analizza punto per punto la revoca e i suoi punti.

Quello che invece mi interessa puntualizzare, in questo mio 27esimo compleanno è il comportamento di IVASS nella sua attività ispettiva.

La compagnia mi revoca il 2 Ottobre 2020, seguono giorni tumultuosi dove la stessa ometterà di fare le operazioni di riconsegna, ometterà di effettuare i calcoli di fine gestione iniziando però una agguerrita battaglia per recuperare “in maniera amiscevole” denari che non sono mai stati di loro proprietà.

La locuzione “in maniera amiscevole” non è un errore ma è l’interpretazione di Zlatko di una parola italiana con la quale lui si è rivolto nei confronti di un mio avvocato, non ho ancora capito se si trattasse di una minaccia oppure solamente di una interpretazione sbagliata della lingua italiana.

Solo dopo diversi giorni, diversi tentativi estorsivi e dopo averci cacciato dalla sede di Udine (per questi comportamenti ho denunciato adriatic e i suoi rappresentanti in sede penale), Adriatic comunica la revoca ad IVASS.

Allego le foto di come Adriatic nel tempo che intercorreva tra il 2/10/2020 e il 5/10/2020 ha stipato tutta la mia attrezzatura in un angolo dell’edificio e dei catenacci emessi alle porte esterne. Ho sempre ritenuto questo comportamento come l’esternazione della reale capacita’ intellettiva dei responsabili di Adriatic.

IVASS - Come hanno tentato di rovinare i miei 27 anni
Foto scattata davanti al cancelletto di Adriatic Domenica 4 Ottobre 2020
IVASS - Come hanno tentato di rovinare i miei 27 anni
Foto scattata nel refettorio della sede di Udine di Adriatic Lunedì 5 Ottobre 2020

Qui iniziano a “divertirci”.

Nella comunicazione che Adriatic fa ad IVASS (solo in data 29/10/2020) relativamente alla revoca esercitata nei miei confronti non indica assolutamente quale elemento chiave della revoca quello reale e cioè : “non aver voluto firmare l’appendice modificativa”.

Indica invece una fantomatica mancata rimessa da parte mia di ingenti somme di denaro. Questo lo posso affermare perché è stato dichiarato da IVASS in fase istruttoria, allego più aventi copia del primo documento dove lo affermano.

ATTENZIONE, IVASS, quell’autorità che ha come fine, dal suo stesso statuto, la tutela del mercato assicurativo in generale, riceve :

1. Una comunicazione unilateralmente dalla compagnia, dove si comunica una revoca per mancata rimessa.
2. Il documento in PDF rappresentante la revoca e relata di notifica via PEC all’Agente attestante le reali motivazioni connesse alla revoca del mandato.

Nel mondo della giustizia civile e penale un giudice imparziale analizzerebbe entrambi i documenti e, prima di procedere, nel caso trovasse incongruenze, chiederebbe spiegazioni. Nel mondo di IVASS invece cosa accade?
La parola della compagnia vale mentre quella dell’Agente no. Nell’istruire la pratica, IVASS ha preso per buono quanto comunicatole dalla Compagnia senza analizzare testualmente la revoca.

Perchè sottolineo tutto questo?
Fondamentalmente per trasmettervi le chiavi di lettura di quanto sto per dirvi e dimostrarvi.

Inizia la procedura di verifica del mio comportamento da parte di IVASS che si conclude il 21/12/2020 con una comunicazione (che di seguito allego) dove IVASS mi contesta alcuni punti che io prontamente riscontro indicando all’autorità di vigilanza tutte le motivazioni che mi hanno indotto a comportarmi come mi sono comportato, come anche tutte le infrazioni compiute dalla compagnia dell’esercizio dell’attività di distribuzione sul mercato italiano. Chiedo inoltre di poter essere udito per poter chiarire ancora meglio le mie argomentazioni.

Ecco il documento : (a pagina 2 trovate la frase dove IVASS dice che Adriatic ha comunicato una revoca per giusta causa per mancata rimessa e non per il reale motivo e cioe’ il non aver voluto firmare l’appendice)

Dopo diversi mesi vengo sentito e ribadisco quanto da me sostenuto.
Allego copia del verbale di audizione.

Ovviamente, come chi è del settore sa, le audizioni non valgono fondamentalmente nulla e IVASS prontamente, nel Maggio 2021, mi radia dal registro dicendo che il mio illecito era legato alla mancata rimessa dei premi.
Allego copia anche di questo provvedimento, nella totale trasparenza.

Ho fatto questo veloce escursus storico e documentale per arrivare a potervi far comprendere il perché del titolo.

Un agente (all’epoca 25enne) viene aggredito dalla mandante, la quale cerca di estorcergli la firma di un appendice assolutamente nulla, non esegue le operazioni di riconsegna e non effettua i calcoli di fine gestione.

L’Agente viene poi nuovamente aggredito dall’autorità di Vigilanza che, invece di verificare quanto effettivamente accaduto (sarebbe bastato leggere la revoca), procede difendendo a spada tratta la Compagnia, effettivamente quanta trasparenza c’è in questo mercato?

Spoiler…Non bastasse IVASS ha tentato di rovinarmi la mia vita professionale anche relativamente agli investimenti che ho fatto a San Marino. Questo però sarà oggetto di altri articoli più specifici in materia.

In occasione del mio 27esimo compleanno voglio ringraziare l’autorità di Vigilanza, mi ha fatto accumulare un’esperienza nel settore che nessun attuale corso può insegnare.

Ora sono un insider, uno che conosce tutto il settore nel suo insieme, dal lato compagnia (grazie a HOK e ADRIATIC), dal lato agente e infine lato vigilatore.

Mi ricordo un detto, “da grandi poteri derivano grandi responsabilità”, IVASS inconsciamente ha regalato al mercato quanto quest’ultimo esigeva, una figura esterna ma che è stata interna, completamente imparziale che possa far luce sulle anomalie, i malfunzionamenti e i punti oscuri permettendo a tutti di crescere e migliorare.

Grazie IVASS, per il mio compleanno hai regalato a me e al mercato il Critico Assicurativo.

Ad Maiora,
Sean Filipin.