I fatti pubblicati sono tutti veri e comprovati. Nel caso in cui ricevessi una querela pretestuosa procederò immediatamente a denunciare l'autore per calunnia presso il tribunale competente.

ADRIATIC Osiguranje – CAPITOLO 2

Foto dell'autore
Scritto da Sean Filipin

Ex agente assicurativo, ora critico assicurativo Vuoi contattarmi? Chiamami o scrivimi una mail

Nell’ultimo capitolo abbiamo analizzato come Zlatko Radolovic, Rapprensentante Generale per l’Italia, sia riuscito a contattare me e la mia famiglia per la prima volta e come si sia svolto il primo incontro.

Nel caso non abbiate letto l’articolo ve lo riporto di seguito :

Proseguiamo ora nel racconto: 31/10/2018, Tricesimo, Via Armando Diaz n.12, ex ufficio NOA S.r.l.s (la società con la quale ho gestito i sinistri per conto della HOK Osiguranje d.d.), tavolo da conferenze all’ingresso con proiettore acceso.

Mi ricordo tutto, nei minimi dettagli: mi ricordo persino l’odore che c’era nella stanza quando è entrata la direzione di Adriatic Osiguranje in ufficio, mi ricordo le loro scarpe, il colore dei loro vestiti (una specie di blu smunto) e il loro stato di conservazione.

Non vi preoccupate non sconfinerò in una tediosa descrizione di meri dettagli di contorno, dico questo solo perché voglio farvi comprendere quanto sia mia premura incentrare questi racconti sulla verità dei fatti e sul report storico.

A quella riunione partecipò, per Adriatic, Zlatko Radolovic e Nino Pavic (presentato come Membro del Consiglio di amministrazione con delega al reparto commerciale), per Filipin invece Sean e Nino.

La collaborazione con Adriatic Osiguranje

Nell’ottica di una collaborazione seria e professionale io e mio papà preparammo una presentazione completa basata sulla nostra esperienza e sulle reali esigenze necessarie per lo sviluppo dell’attività di una compagnia assicurativa comunitaria sul territorio italiano.

Per semplicità vi riporto le slide che abbiamo proiettato quel giorno, che io personalmente ho presentato in croato (parlo il croato in famiglia da quando ne ho memoria).

La presentazione durò circa 3 ore nelle quali presentammo tutta la struttura e quali capacità aveva.

Si ripeté però quanto già illustrato nell’articolo precedente, non ci fu reale coinvolgimento sulle questioni di carattere manageriale, quello che invece interessava a entrambe le figure apicali presenti in ufficio era la parte commerciale o, più volgarmente, le vendite e gli incassi.

Spesso durante il mio exploit con Adriatic mi sono chiesto se i prodotti distribuiti fossero polizze assicurative (che sottostavano a rigorose regolamentazioni) oppure altro. Ad oggi mi sono creato una mia opinione in merito che man mano spiegherò durante questi articoli.

Comunque, per onor della cronaca, per cercare di venire in contro alle sole richieste ricevute, di carattere prettamente commerciale, io e mio papà sviluppammo una tabella excel che cercava di esemplificare i ricavi ipotetici come anche i costi.

Per semplicità vi riporto anche quella tabella, direttamente in formato excel, potrete quindi fare dei test e delle simulazioni, esattamente come ho fatto io quel pomeriggio del 31/10/2018. (Questi documenti sono di mia esclusiva proprietà e io ho deciso di pubblicarli).


Più avanti nei capitoli vi dimostrerò come, dati alla mano, quanto da noi previsto quel pomeriggio autunnale effettivamente fosse credibile.

Durante l’attività abbiamo concretizzato quanto previsto e anzi, superato in maniera importante tutte le previsioni concretizzando, in 13 mesi di operatività, una raccolta imponibile pari a € 10.549.638,76.

Terminata la presentazione ci dirigemmo a bere un caffè in centro a Tricesimo e ci salutammo in vista di un nuovo appuntamento che, a detta di Zlatko, avrebbe visto coinvolto anche l’amministratore delegato Goran Jurisic.

Questo però è il racconto che sarà il fulcro del prossimo capitolo, il primo incontro che ho avuto con Goran Jurisic.

Sembra quasi l’inizio di una storia epica, spoiler, è stato un evento particolarmente unico nel suo genere, solo non nel senso che normalmente ci si aspetterebbe.

Il critico assicurativo,
Sean Filipin.